fbpx
Fornace-Agresti-1600w

Presentazione anteprima all’Antica Fornace Agresti

Venerdì 22 febbraio, all’Antica Fornace Agresti, è andata in scena l’anteprima assoluta dello spettacolo “Storie crudeli – Lo spirito delle novelle toscane, oggi”. La mattina sono state ospitate le classi terze dell’Istituto Comprensivo “Primo Levi” (secondarie di primo grado), la sera l’ingresso era aperto a tutti.

L’Antica Fornace Agresti è stata una delle ultime roccaforti dell’arte e della sapienza del lavoro del cotto all’Impruneta. Attiva fino al 1991, il Comune avviò un’azione di recupero e restauro conservativo forte di contributi pubblici e privati. Il risultato è uno splendido contenitore di eventi culturali, gestito in modo sapiente e con illuminata programmazione che fa inorgoglire la cittadina del Chianti fiorentino.

PROVE E INTRO A STORIE CRUDELI

Lorenzo Degl’Innocenti ha condotto i due spettacoli, per i ragazzi e per gli adulti, alternando toni differenti di lettura interpretata (prevista in questa anteprima). La scenografia risultava perfettamente integrata con l’ambiente dell’Antica Fornace Agresti.

Sabrina Merenda, assessora all’istruzione del Comune dell’Impruneta ho introdotto l’iniziativa decretando l’importanza socio-educativa del progetto co-finanziato da Fondazione CR Firenze.

Un ringraziamento ad Artemisia da parte degli organizzatori dell’iniziativa alla Fornace Agresti e un grazie enorme a Joele Risaliti, che si è prodigato ben oltre le sue responsabilità per il regolare andamento dei due spettacoli.

I giovani spettatori (circa 90) erano immersi nei valori e concreti ricordi del lavoro contadino e artigianale dell’Impruneta e del Chianti fiorentino. Gli appassionati spettatori della sera (circa 40 in tutto) si sentivano romanticamente avvolti nell’asciutta narrazione di novelle ispirate alle tradizionali fiabe popolari toscane.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto